fbpx

Dieta dello studente: cosa mangiare per favorire concentrazione e memoria

Un’ alimentazione sana ed equilibrata, si sa, è alla base del benessere fisico e mentale.  Quel benessere che però sentiamo svanire quando si avvicina la tanto temuta sessione d’esame, per chi studia all’Università, o i terribili compiti in classe, per chi frequenta la scuola, di qualsiasi grado o indirizzo. Come aiutarci a ritrovare concentrazione ed equilibrio quando lo studio ci impone ritmi stressanti? Come aiutarci a ricordare le nozioni che ci servono, quando ci viene richiesto di imparare una mole enorme di informazioni?. Esistono moltissimi alimenti per favorire la concentrazione e la memoria quando lo studio si fa più intenso. Nello specifico, sono particolarmente utili:

  • alimenti ricchi di Omega 3 come il pesce azzurro
  • i cereali integrali
  • le mele con la buccia, in quanto questa ricca di quercetina, un potente antiossidante in grado di agire sulla memoria e concentrazione
  • il cioccolato fondente, il quale aumenta l’afflusso di sangue al cervello grazie alle metilxantine presenti nel cacao
  • i frutti rossi, i quali riducono il livello di tossine nel flusso sanguigno e contengono anche fitonutrienti e antiossidanti che migliorano l’attività neurologica
  • la verdura di stagione, in particolare i broccoli, i pomodori e gli spinaci
  • le spezie ed in particolar modo la curcuma
  • le uova, grazie alla colina, mediatore del sistema nervoso centrale che ha la peculiarità di affinare le funzioni intellettive
  • i semi di girasole che grazie alla vitamina B sono una fonte di nutrimento eccellente per il cervello
  • le lenticchie hanno un alto contenuto di ferro, un sale minerale responsabile del trasporto di ossigeno nel corpo e di vitamina B1 o tiamina, utile per favorire la memoria e concentrazione
  • il germe di grano, un concentrato di antiossidanti, come la vitamina E e le vitamine del gruppo B, Sali minerali, acidi grassi essenziali e colina.

Vi consiglio davvero di provare ad inserire nella vostra alimentazione o in quella dei vostri figli studenti questi preziosi alimenti. Raccontatemi poi sui Social la vostra esperienza!